TEORIA MASCHILE, PRATICA FEMMINILE: DONNE A TAVOLA E IN CUCINA

Martedì 17 Dicembre 2019 – STORIA di VENEZIA ore 17:00 – ingresso libero

Secondo dottori, religiosi e moralisti del Cinquecento, le donne dovevano mangiare e cucinare seguendo determinate regole di moderazione, astinenza e disprezzo del piacere del cibo.  La mancanza di autrici di trattati di cucina o di libri di medicina e salute, e la grande diffusione della letteratura prescrittiva, ha fatto pensare che dette regole di comportamento fossero generalmente acquisite e rispettate nella vita quotidiana. Ma in realtà non era così. Guardando ben oltre la letteratura prescrittiva, l’autrice si avvale di tre fonti composte da donne del tempo in cui si rivelano le loro idee riguardo al cibo e al concetto di “gusto” nel mangiare: le lettere della Marchesa di Mantova Isabella d’Este (1474-1539) il dialogo Il merito delle donne di Moderata Fonte (1555-1592) e le lettere scritte da Suor Maria Celeste (1600-1634) figlia di Galileo Galilei, dal convento di Arcetri in cui era rinchiusa. La presentazione mostrerà la differenza tra la prospettiva maschile di religiosi e dottori del tempo, e le idee e la pratica femminile.

Presentazione a cura di Laura Giannetti.

 

Chiamaci Capodanno 2020