“Alimentazione e cucina nel Ghetto di Venezia” con Michela dal Borgo e Maria Bonaldo

Il Ghetto veneziano fu disposto con legge del Senato del 29 marzo 1519 in una zona di Cannaregio ove anticamente esistevano delle fonderie.
In questa isola-fortezza si crearono appositi luoghi di vendita per i prodotti alimentari osservanti le regole della preparazione kasher. E, nel corso dei secoli, al suo interno si verrà a sviluppare una cucina giudaica che, nel rispetto delle regole bibliche, vedrà la compenetrazione dei gusti tedeschi, levantini e ponentini – le tre “nazioni” presenti nel Ghetto – con le reali disponibilità di materie prime locali.

Presentazione a cura di Maria Bonaldo (Accademia Italiana della Cucina) e Michela Dal Borgo (Archivio di Stato di Venezia)

Chiamaci Capodanno 2020